Società

Crepuscolo archetipico del medico

A causa della connivenza al potere in occasione della contingenza virale, l’asservimento cieco alle linee guida e la successiva censura ?????????? riguardo all’ insuccesso dei sieri e i loro estremi effetti avversi, i medici si sono giocati molto più di quello che credono.

Un fenomeno sanitario è stato tradotto in uno bellico/religioso. Rapidamente il lessico medico ha lasciato posto a quello di guerra in primis, e quello soteriologico non appena ha fatto ingresso in scena il deus ex machina/vaccinø.

Questo fatto ha consentito ai medici comuni di scaricare la titolarità delle operazioni di contrasto al virus ai militari da un lato, e al Governo/concessionario del fato dall’altro, gettando implicitamente luce sull’origine non naturale del patogeno, avvertito subito come un’arma, ??’ ?̄??? ??????, e non come un semplice microrganismo, per quanto apparentemente pericoloso.

Delle ārmi se ne occupano i militari. Delle ?̄??? ?????? se ne occupano i concessionari del fato. In assenza di un culto religioso, la funzione soteriologica è presieduta dal potere.

Il medico comune ha reagito alla comparsa del virus disfandosi repentinamente del camice e trasformandosi in un cittadino qualsiasi. La maggior parte di loro ha tradito il suo giuramento ippocratico e abdicato il suo sapere a un potente oscurantismo calato dall’alto, che ha innestato sopra l’apparato scientifico una componente teologica.

I medici hanno rinunciato a visitare e ad intervenire, a somministrare farmaci in contrasto con le linee guida benché in accordo con l’abc dei manuali di medicina, partecipando emotivamente a una collettiva sindrome di Stoccolma basata sullo scientismo, su dati occultati, sul ?????? ??????? e contribuendo ad avallare la persecuzione nei riguardi di chi non prendeva parte a questa mostrificazione del dissenso.

La riconfigurazione semantica in termini militari della malattia ha consentito, tra le altre cose, la mutazione simbolica dell’ ?̄???, passata da ‘ørdigno meccanico’ a ‘pozione benedetta’, e i suoi funzionari da ‘professionisti della viølenza’ a latori della grazia.

Questa deformazione dell’ ????? bellico spiega anche l’incomprensibile e schizofrenico balzo da “ideologia della protezione del bios” della pandemia a “ideologia dell’immolazione del bios”della guerra: non ha importanza se lo scopo sia salvarlo o immolarlo, ha importanza che il settaggio riguardo al bios sia impostato su “istanza suprema” e scatti da un ordine di scuderia ?????????.

Ma la figura del medico non è del tutto scomparsa, si è invece sublimata in un super plenipotenziario che è il virologo televisivo, la cui funzione si è ridotta a “notaio scientifico” del potere. Costui inscena false analisi a copertura di imbarazzanti conflitti di interesse.

Il suo target di riferimento, il suo modello di spettatore è una sorta di imbecille/bambino, spaventato e insieme capriccioso, completamente privo di personalità, incline ai collettivismi e alla fascinazione di mode, orgoglioso di eseguire qualsiasi comando senza porsi domande, o nei casi più illuminati, procurandosi un ???????????? ???? presso qualche fabbricante di opinioni investito di celebrità e senza preparazione accademica.

Da qui, la facile promulgazione della artificiosa pedagogia morale attraverso cui il governo ha trasformato i cittadini in una schiera di complici obnubilati, redenti dall’anonimato, la cui vita è ora finalmente investita da un ?????, una ???????? superiore che non sia il ???? ????????, logisticamente assistiti da uno strumento digitale/rituale di scomunica sociale che purtroppo conosciamo tutti: il famigerato green pass.

Questo frullato di contingenze ha prodotto una falsificazione del reale e una mistificazione di tutti i valori, branditi contro se stessi a scopo di potere, come l’antifascismo e il femminismo. Il caos cognitivo che ne è scaturito ha portato a forme feroci di ???? ??????? e soprattutto ad uno sconvolgimento interiore risolto dalla psiche con una allucinogena miscela di shock e quiete che ne ha alterato i processi più elementari.

“?? ??????? ?????? ??? ?????? ??????????? ??? ?̀ ?? ??????? ???????? ? ?? ????????? ????????, ?? ? ‘ ???????? ??? ?? ????? ?? ??????????? ??? ??????̀ ? ????????, ??? ???? ? ????? ??? ?????? ???̀.“ scrive Hannah Arendt, ne Le origini del totalitarismo.

Ma tornando ai medici. Ciò di cui non si rendono conto è di aver perso, forse definitivamente, un primato, una concessione, un diritto e un privilegio che nessun altro “lavoratore” possiede.

Ce lo spiega James Hillman in un capitolo intitolato “Il guaritore come eroe”. Hillman scrive che esiste un’idea archetipica nella pratica medica che associa l’imperativo a opporsi alla mørte al rigetto dell’inconscio. L’inconscio è associato alla mørte. La coscienza razionale alla vita. “La coscienza apollinea [scientifica] tende a ritirarsi con orrore dall’inconscio, che identifica con la mørte”.

Ecco perché il “dubitatore” è stato perseguitato: costui si serve della ragione per introdurre la sfumatura, la quale è identificata con il caos, quindi con la mørte stessa. La razionalità critica è stata letta come irrazionalità.

“?? ?????? ????? ?ø??? ?̀ ?’???? ?????????????? ????? ????, ????’????, ??? ?????, ?? ??? ??????, ?? ????????? ?? ?????????”.

“?????? ?? ?ø??? ?̀ ????????? ???????? ???? ?ø??? ?????????, ?????????, ?????? ????????? ??? ????????? ?? ????????? ???? ?????? ??? ???????? ?? ????? ???????????, ? ??????? ?????????. ??????̀, ????, ?? ????? ????????? ???? ‘ ??????? ??? ?????? ????? ?ø??? ?̀ ?? ??????”.

“?? ?????? ???? ??????????? ?? ???????????. ???????????, ???? ???? ????????. ?? ??? ??????? ??????, ?????? ??? ?????, ???????????? ?? ?̄??? ?? ?????? ???? ?ø??? ? ?? ??????????? ??? ????? ???????????, ?? ???̀ ??? ???????????? ?? ?? ???? ????????. ?? ?????? ??????? ?? ?????????̀ ?? ????? ??? ??????? ??? ????? ?? ???????ø”

“???? ??????? ?????? ??? ??, ??????́ ?????? ?????????? ?’???????? ??? ?????????, ?? ????? ??? ????? ??????? ?? ?ø??? ????? ???? ?? ????. ??????? ????????? ?????????? ? ???????????”.

“?̀ ? ‘????????? ??? ????????? ? ????????? ??????????̀ ?? ?????? ?? ????????? ?? ???????????”.

Sottraendosi alla lotta fisica contro la mørte e delegando totalmente i suoi compiti ad un super-organismo soprastante, il medico comune si è quindi ridotto a mero burocrate, un concessionario della filiera tecnocratica alla cui vetta si staglia il potere; una figura, peraltro, pro-tempore, e vittima designata dell’evoluzione tecnologica, più propriamente, nel caso, detta “telemedicina”, che ne segnerà con ogni probabilità il definitivo tramonto come figura professionale da un lato, e archetipo ‘mediatore del fato’ dall’altro.

Perché se è vero che “?? ???? ?̀ ????? ??????? ???? ??????????, ??????? ?? ??????? ????? ?????????, ??́??, ???????? ? ‘ ?????? ???????? ? ????? ????? ????, ??? ????????????? ?? ??? ????????????? ????????.” ora il controllo archetipico sulla mørte ha subito un pericolosissimo transfert dalla sfera medica a quella politica.

“?????? ???? ?? ????????? ?? ?????? ?????? ? ????? ???????? ??? ??????? ??? ?? ?????? ??????????? ??? ????? ??????????? ? ??? ???????????? ??? ??????????”.

Ma soprattutto: “?? ????? ?? ???????, ????? ????? ?????? ???? ? ????? ???????, ? ?????? ????? ????????? ?? ???????? ????? ???; ???? ?????? ?? ??????????, ????????? ? ??????, ?? ???? ???? ??? ??? ? ?? ????? ????????? ???? ‘ ??????????? ?? ????? ??? ????? ?? ??????? ? ?? ????? ? ????? ????’???? ? ???? ‘ ?????. ?? ?̀ ??????? ????? ????? ?????????? ???? ‘ ???? ? ???? ‘ ?????, ??? ????? ??????? ?????????, ??? ?? ???????? ??????? ????? ? ???? ????? ?? ?????: ???? ????????????????, ?????? ???????????, ????????, ???????? ???????????, ?????????? ????? ????????, ??????????, ????????? ??????-???????? – ????? ???????? ??? ???????? ???? ? ‘??????? ????? ??? ?????? ???? ‘ ?????.”

La stigmatizzazione dell’ignoto ha quindi prodotto una standardizzazione delle conoscenze, indotte ad un riduzionismo e una furia dataista completamente manchevole di vocazione epistemologica.

Abbiamo quindi da un lato perso il rapporto “oracolare” tra medico e paziente. Il medico ha battuto in ritirata di fronte al suo nemico naturale e il paziente ha ora introiettato che l’unico che può fare qualcosa per lui è il potere e l’unico modo -non solo per sopravvivere-, ma per dare un senso all’esistenza, è ubbidire.

Inoltre, il concetto di cittadino si sta violentemente sovrapponendo a quello di ????????. Il cittadino non è che qualcuno in attesa di divenire paziente. Nel frattempo è controllore e censore, oltre che addetto al futilitarismo.

In breve, ci ritroviamo nello scenario assurdo in cui i medici stanno per scomparire e la società è patologizzata in blocco come nuovo status giuridico fondamentale.

Motus in fine velocior.

Alex Tattoli

SEGUICI SU TELEGRAM

Note: articolo censurato da facebook

Illustrazione di copertina: Benedetto Cristofani

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *